Editoriale

MANIPOLAZIONI E VESSAZIONI anno 4-n°2| agosto 2015

EDITORIALE DI AGOSTO 2015

I GRUPPI PSEUDO TERAPEUTICI

di Giorgio FABBRO

In questo numero della nostra rivista  abbiamo voluto dare rilevanza ad alcuni articoli che ci hanno colpito per le informazioni che veicolano e la crudezza dei propri contenuti. Trattandosi di articoli molto lunghi abbiamo deciso per la pubblicazione di soli quattro invece dei soliti sei articoli previsti.

leggi l’articolo qui: editoriale

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

 

MANIPOLAZIONI E VESSAZIONI anno 3-n°3| dicembre 2014

foto

RETE DI AIUTO CONTRO LE MANIPOLAZIONI. L’ESPERIENZA IN ITALIA, FRANCIA, SPAGNA

di Cristina Caparesi

La ricorrenza dei primi dieci anni di attività dell’associazione di aiuto SOS Abusi Psicologici è stata un’occasione per ripercorrere le tappe che l’hanno portata a rappresentare il principale punto di riferimento per l’aiuto alle vittime dei gruppi manipolativi in Regione FVG.

Nel 2004, data in cui è stata fondata l’associazione,  è stato subito costituito il 1° sportello telefonico gratuito, continuando a prestare un’attività gratuita per i successivi  5 anni. Nel 2009 è stato ampliato l’offerta potendo utilizzare in qualche occasione la sede legale dell’associazione. Ma è solo nel 2013, grazie alla L.R. 11/2012, che l’associazione ha potuto aprire un centro operativo a Udine e due infopoint a Pordenone e Trieste. Negli anni di attività SOS Abusi Psicologici ha fornito consulenze rispondendo alle preoccupazioni di un numero elevato cittadini che, chiamando da tutta Italia, di solito chiedono aiuto per un proprio caro finito in gruppi cosiddetti “settari” o in situazioni simili.

leggi l’articolo: editoriale

MANIPOLAZIONI E VESSAZIONI anno 3-n°2| agosto 2014

RADICALIZZAZIONE ESTREMISTA: PUO’ ESSERE LAVAGGIO DEL CERVELLO?

Di Cristina Caparesi

Gli articoli di questo numero affrontano una tematica di particolare attualità occupandosi di forme estremiste di tipo islamico e di estrema destra, due tipologie che sono presenti in Italia probabilmente in misura inferiore che in altri paesi del nord Europa, come Gran Bretagna, Paesi Bassi, Olanda, Francia.

Abbiamo scelto di trattare questi argomenti perché offrono uno spunto interessante che può facilmente essere ricondotto all’oggetto dei nostri studi.

leggi l’articolo: EDITORIALE

MANIPOLAZIONI E VESSAZIONI anno 3-n°1| aprile 2014

“LE DERIVE SETTARIE NELLA CHIESA CATTOLICA” NEL CONGRESSO ICSA

Di Caparesi Cristina

A luglio 2012, in occasione del Congresso Internazionale ICSA (International Cultic Studies Association), organizzazione internazionale di studi sul settarismo, tenutosi a Montreal, mi incontrai con il Comitato Direttivo, per mettere a punto i dettagli sulle tematiche principali del successivo Congresso Internazionale che SOS Abusi Psicologici avrebbe coordinato a Trieste per il 2013. È infatti prassi che ogni anno il Comitato Direttivo ICSA ponga il focus su uno o due temi speciali da analizzare durante tutta la durata del congresso annuale successivo. I tempi erano maturi per affrontare due importanti argomenti: 1) Ci sono derive settarie nella Chiesa Cattolica? 2) Diritti umani, la legge e i  nuovi movimenti religiosi, trovare un equilibrio , che furono annunciati a conclusione dei lavori del 2012 per pubblicizzare e raccogliere le proposte dei relatori.

leggi: le_derive_settarie_editoriale

 

MANIPOLAZIONI E VESSAZIONI anno 2-n°3| dicembre 2013

DIALOGO E STUDI SUL SETTARISMO: PERCHE’ IL DIALOGO PORTA BENEFICI AGLI STUDI SUL SETTARISMO

Un messaggio dai Direttori dell’ICSA[1]


[1] Almendros, C., Eichel, S.K.D., Giambalvo, C., Goldberg, L., Henri, R., Kropveld, M., Langone, M., Scheflin, A.W.

Il seguente articolo dal titolo originale “Dialogue and Cultic Studies: Why Dialogue Benefits the Cultic Studies Field” è stato pubblicato su ICSA TODAY,  vol. 4| n° 3| 2013. Gli autori e l’International Cultic Studies Association, proprietaria della rivista, ne autorizzano la pubblicazione su questo giornale. Questa è una traduzione non ufficiale di Caparesi Cristina. Qualora ci siano dubbi o imprecisioni si prega di controllare anche la versione originale in lingua inglese che può essere trovata qui: https://drive.google.com/file/d/0B7gQLq25IOjMcEhXdm9QOXQ1VGs/edit?usp=sharing

leggi: dialogo e studi sul settarismo_perchè il dialogo porta benefici agli studi sul settarismo

——————————————————————————————————————————–

L’associazione internazionale di studi sulle sette (ICSA-ex American Family Foundation, AFF) (1) nei suoi circa trentacinque anni di storia, si è  sempre impegnata per la libertà d’espressione, libertà di pensiero(2), apertura e dialogo. Negli ultimi quindici anni, l’apprezzamento per questi valori è cresciuto grazie  all’ampia rete di comunicazione dell’ICSA. Questo cambiamento si manifesta in modo più evidente al congresso annuale dell’organizzazione, nella quale i partecipanti possono ora scegliere di accettare, rifiutare, o studiare una più ampia varietà di punti di vista di quanti fossero a loro disposizione 30 anni fa. Desideriamo riflettere su questi cambiamenti così che altri possano capire meglio e apprezzare il perché accogliamo con favore opinioni diverse e perché  possiamo onorare persone con punti di vista opposti(3).

leggi:  dialogo e studi sul settarismo_perchè il dialogo porta benefici agli studi sul settarismo

MANIPOLAZIONI E VESSAZIONI anno 2-n°2| agosto 2013

Editoriale a cura di Gianfranco de Lorenzo

L’educazione è un’opportunità straordinaria perché è proprio in questa tematica che si sceglie di legare le proprie sorti al successo o al fallimento dell’impresa educativa. Essa è quel processo fatto anzitutto di buone relazioni e di pratiche virtuose, di trasmissione (traditio) di un’interpretazione complessiva della realtà. Qui l’educazione si rivela come il caso serio per eccellenza: dove riesce, assicura un «essere-insieme» non una «convivenza» che mi pare un termine riduttivo e logoro che si è guadagnato l’ammirazione di tutto il mondo, ma quando fallisce, lascia il campo alle peggiori violenze.

leggi: l’educazione_nel contrasto_ della formazione dei radicalismi

 

MANIPOLAZIONI E VESSAZIONI Anno 2-n°1| aprile 2013

Editoriale_aprile_2013

Magia commerciale e gruppi magico-occultistici

Di Cristina Caparesi

La magia è la credenza nelle forze soprannaturali impersonali e nella possibilità di assoggettarle alla volontà umana attraverso operazioni di tipo automatico che si crede abbiano una influenza diretta. Nel mondo primitivo il magico, il sacro, l’occulto e la scienza si confondono e tutto ciò di cui non si comprende la causa viene attribuito a forze sovrannaturali. La magia può essere considerata come il primo tentativo dell’uomo di dominare la natura. L’uomo disegna l’immagine di animali sulle rocce credendo con questo di poterli catturare. L’importante è eseguire cerimonie e riti nel giusto ordine e con la procedura esatta per poter ottenere i risultati voluti.

leggi: magia-commerciale e gruppi magico_occultistici

 

MANIPOLAZIONI E VESSAZIONI Anno 1- n°2| settembre 2012

Editoriale a cura di Fabbro Giorgio

Questo numero del giornale si focalizza sul contrasto al fenomeno del mobbing, una tipologia di comportamenti che pone il lavoratore in una condizione di sofferenza e disperazione, che si compone di articoli realizzati soprattutto dai consulenti ed i referenti dei Punti di Ascolto antimobbing accreditati dalla Regione FVG,  e a livello nazionale dello sportello INAS-CISL di Roma.  Articoli correlati sono “Manipolazione psicologica: leggi speciali o proposte alternative?”sul DDL 569 in studio alla Commissione Giustizia del Senato e Lezioni sul recupero e la resilienza degli adulti di seconda generazione” sul recupero dei giovani di 2nda generazione nati o cresciuti in una setta.

leggi: editoriale_settembre_2012

 

MANIPOLAZIONI E VESSAZIONI Anno 1- n°1|maggio 2012

Editoriale a cura di Fabbro Giorgio

Questa iniziativa nasce in un momento molto speciale per l’associazione. Negli anni, fin dai nostri primi passi, abbiamo cercato di distinguerci facendo della metodologia uno dei nostri caratteri distintivi. È motivo di immenso orgoglio, per il sottoscritto, rappresentare un gruppo di lavoro eterogeneo che ha saputo cogliere le sfide che ci attendevano con professionalità e sensibilità, consapevoli della delicatezza con la quale si rendeva necessario trattare le vittime di abusi e violenze psicologiche e le loro famiglie.

Leggi l’ editoriale_maggio_2012